Come funziona: cessione dei crediti dalle PA e introduzione della Garanzia Statale

cessione-crediti-mef-borsadelcredito

Tra le novità del “Decreto Renzi”, la più importante per le imprese è quella che estende la garanzia dello Stato per la cessione dei crediti vantati dai fornitori nei confronti della Pubblica Amministrazione. Nello specifico stiamo parlando dell’art. 37, D.L. n. 66/2014.  L’obiettivo è quello di assicurare il completo pagamento dei debiti certiliquidi ed esigibili,  maturati dalle aziende al 31 dicembre 2013.

Le novità in uno spot: 

Se sei un imprenditore e ti capita di guardare la TV, probabilmente hai visto questo spot:

L’imprenditore attento ricorderà che tramite la certificazione dei crediti sull’apposita piattaforma ministeriale, è già possibile cedere i crediti della Pubblica Amministrazione alle banche. Il “Decreto Renzi”, tuttavia, ridefinisce i termini e le condizioni di pagamento dei debiti ceduti, assistiti ora dalla garanzia dello Stato.

Come funziona la Garanzia Statale e quali vantaggi introduce:

Grazie al decreto, i fornitori potranno cedere pro soluto il proprio credito certificato e assistito dalla garanzia dello Stato a banche e a intermediari finanziari incassando quanto dovuto al netto di una percentuale di sconto di: 

  • 1,9%, per somme inferiori ai 50.000€
  • 1,6%, per somme superiori ai 50.000€

Il Fondo di garanzia, istituito allo scopo presso il Ministero dell’economia e gestito da Consap S.p.A., assume una dotazione iniziale di 150 milioni di euro. La domanda per la Garanzia Statale va effettuata tramite la banca ai cui si richiede la cessione del credito, con le modalità descritte nella nostra guida al Fondo di Garanzia Statale.

Il credito ceduto, quindi, sarà certificato e garantito dallo Stato, e sarà esigibile con una percentuale di sconto molto competitiva.
La domanda di certificazione dei crediti va effettuata entro il 31 ottobre 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non sei un robot, vero? *