Commercio: aziende in ripresa. Torna positivo il saldo apertura/chiusura

aziende-commercio

Si aggiungono altri indizi all’ipotesi che il 2013 sia l’anno della ripresa dopo anni di recessione. O che rappresenti almeno l’inizio di quest’inversione di tendenza. La buona notizia con cui si apre la settimana la divulga l’osservatorio della Confesercenti: per la prima volta dal 2012, nel settore del commercio, le imprese che aprono superano le imprese che chiudono.

“Ripresa piena” – Come abbiamo avuto modo di sottolineare per i dati positivi fatti segnare nell’ultimo periodo dal settore industriale, la ripresa comincia sempre con piccoli segnali. E viene supportata con ottimismo dalle banche (Visco ha da poco ricordato l’importanza di migliorare le condizioni di accesso al credito per le imprese, per far ripartire gli investimenti) e dal Governo: il ministro dell’economia Saccomanni si è detto certo che la “ripresa piena” possa cominciare a partire dalla fine di quest’anno.

Migliorano le imprese del commercio – Tornando ai dati di Confesercenti, tra maggio e giugno 2013 l’Italia ha segnato un +1.422 nel saldo tra aperture e chiusure di aziende commerciali, grazie soprattutto alla spinta proveniente dalle regioni del Nord.

Come riportato dal portale “Leonardo Economia”:

Nel terzo bimestre 2013, rileva Confesercenti, complice la profonda recessione e l’elevata mortalità di bar e negozi fatta registrare dall’inizio dell’anno (11.328 esercizi che hanno chiuso senza essere rimpiazzati), con 7.546 nuove imprese, +88% rispetto al bimestre marzo-aprile (4.014), si può parlare dunque di un vero e proprio “piccolo boom” di aperture.
Si tratta tuttavia, sottolinea l’associazione di categoria, di un “esile” segnale di ripresa, al quale non corrisponde un’inversione di tendenza delle chiusure di pari intensità: nello stesso periodo, infatti, le cessazioni riguardanti il commercio al dettaglio sono state 6.124, appena il 12% in meno rispetto al periodo marzo-aprile.
Tuttavia, specifica lo studio, se si pensa che nel primo bimestre hanno chiuso bottega più del doppio degli esercizi commerciali, 13.775 per la precisione, compensati da 3.992 sole nuove aperture, forse il peggio è passatocontinua a leggere su Leonardo Economia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non sei un robot, vero? *