Credito alle imprese: nei primi 6 mesi del 2014 domanda record

sofferenza-credito-borsadelcredito

Si confermano eccezionali i dati riguardanti le domande di credito da parte delle aziende italiane agli istituti finanziari. Malgrado il parziale rallentamento del trimestre aprile-giugno, al giro di boa di metà anno, il dato sulle richieste di finanziamenti fa registrare un segno positivo un +12,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Questi dati emergono dall’ultimo aggiornamento del Barometro CRIF che raccoglie i dati relativi a oltre 77 milioni di posizioni creditizie, di cui più di 8 milioni attribuite a utenti business, e che rappresenta un importante indicatore per tastare il polso, in modo sistematico e tempestivo, alle nostre imprese. Quelle prese in considerazione in quest’analisi sono domande formali, quindi vere e proprie istruttorie di credito presentate agli istituti, e non semplici richieste di informazioni o preventivi.

Andamento Gennaio-giugno 2014 – il risultato dei primi 6 mesi dell’anno in corso è stato determinato in particolare dal picco di richieste presentato dalle imprese individuali, che hanno fatto registrare una forte accelerazione rispetto al corrispondente periodo 2013 seppur non sempre per finanziare i progetti di investimento quanto, più semplicemente, per sostenere l’attività corrente.
Nello specifico, nel I semestre 2014 le imprese individuali hanno fatto registrare un incremento complessivo della domanda del +15,9%, malgrado la dinamica trimestrale mostri un’attenuazione della dinamica nel trimestre aprile-giugno. Per le società, invece, l’incremento rilevato nel semestre si è assestato a +9,5%.

Cresce anche l’importo medio richiesto – Nei primi 6 mesi del 2014, nell’aggregato di imprese individuali e società, l’importo medio si è attestato a 67.061 Euro contro i 64.491 Euro del corrispondente periodo 2013.
Scendendo maggiormente nel dettaglio, le imprese individuali hanno fatto registrare un importo medio pari a 33.983 Euro (era stato di 32.441 Euro nel I semestre 2013), mentre per le società si è attestato a 91.125 Euro (contro gli 86.524 Euro del 2013).

Simone Capecchi, Direttore Sales & Marketing di CRIF, evidenzia il carattere positivo di questi dati:Evidentemente lo scenario in graduale miglioramento e le prospettive di ripresa, per quanto modeste esse siano, stanno contribuendo ad incoraggiare le imprese a rivolgersi con maggior fiducia agli istituti per sostenere l’attività corrente e finanziare gli investimenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non sei un robot, vero? *