La parola chiave di oggi è “rendimento”

BorsadelCredito.it ha archiviato il mese di luglio con un erogato superiore ai 40 milioni di euro. Continuiamo a crescere, avendo quasi triplicato il valore dei prestiti concessi anno su anno. Ma c’è un dato che ci rende particolarmente orgogliosi: il rendimento offerto ai prestatori, coloro che credono e investono nell’economia reale.

Al netto dell’effetto Fondo di protezione, il rendimento di BorsadelCredito.it si è attestato al 5%, un valore in linea con quello medio offerto delle principali piattaforme britanniche che ha segnato +5,08% a un anno (dati a fine giugno) in base al Liberum AltFi Returns Index. Inoltre, l’incidenza del nostro principale strumento di mitigazione del rischio è di circa mezzo punto percentuale (per ulteriori dettagli, è possibile consultare la nostra tabella di sintesi qui): il rendimento al lordo di questa copertura si è infatti attestato al 5,51%. Un valore che è più o meno costante da inception, da almeno due anni di attività. E che è molto al di sopra rispetto a quello offerto dalle altre asset class paragonabili. Se fotografiamo lo scorso luglio, per esempio, prestare tramite BorsadelCredito.it, ha permesso un guadagno annuo al netto del Fondo di Protezione di 370 euro tondi su un capitale investito di 10mila euro. I fondi bond corporate a 4 e 5 stelle Morningstar – quindi i migliori della categoria – avevano segnato una perdita dello 0,82% da inizio anno. Il rendimento a un anno tuttavia è stato dell’1,77%, che corrisponde a un guadagno al netto delle imposte che sfiora i 131 euro: guadagno che non tiene conto delle commissioni di ingresso né di quelle di gestione dei fondi comuni e che quindi ne sovrastima la reale entità.

Ancora i Btp quinquennali, hanno staccato in asta una cedola dello 0,95%: 95 euro di rendimento lordo su un investimento di 10mila euro e poco più di 83 euro al netto dell’imposta agevolata al 12,5%, in un mercato peraltro che mostra una volatilità estrema ed è tutt’altro che risk-free. Maglia nera per i conti deposito vincolati, che hanno offerto un rendimento medio dello 0,41%, corrispondente a un reddito di poco più di 30 euro al netto del 26% di ritenute, sul medesimo ticket di ingresso di 10mila euro.

Il nostro marketplace lending nelle prossime settimane compirà 3 anni di attività: siamo la piattaforma di P2P Lending per aziende più longeva d’Italia. Anche all’interno di un’area, quella del Fintech, ancora considerata giovane e con ampi margini di crescita, il 5% che abbiamo dichiarato come obiettivo di rendimento per i prestatori sin dal primo giorno è al momento una promessa mantenuta. Per questo “rendimento” è una parola assolutamente chiave per capire cosa spinge migliaia di persone a investire nelle aziende italiane tramite BorsadelCredito.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tweet
Condividi
Condividi