“Porta un amico”: i vantaggi del programma referral per i prestatori

In Gran Bretagna, dall’inizio del 2017, è in vigore un referral scheme, che prevede che ogni richiesta di finanziamento, fatta da una PMI e non gestita dalla banca, debba essere segnalata alle piattaforme che possono offrire un servizio alternativo. Si tratta di un modo utile anche alla banca per mantenere viva e soddisfacente una relazione, per non lasciar scappare un cliente e consigliargli, invece, qualcosa di adatto alla sua esigenza.

Le relazioni e i rapporti di collaborazione sono fondamentali per un business come il nostro: in Italia manca ancora una forma così istituzionalizzata di segnalazione, ma il “passaparola” non lo inventano certo gli inglesi! Per sottolineare il valore della collaborazione, BorsadelCredito.it ha pensato a una promozione a tutto vantaggio dei prestatori. Si chiama “Porta un amico”: sfruttando l’invito speciale che si trova all’interno dell’account del prestatore, ogni amico che approda su BorsadelCredito.it fa guadagnare 50 euro sia a colui che invita che a colui che riceve l’invito. Ma perché questo succeda, chi invita deve essere un prestatore attivo, cioè deve aver attivato l’offerta all’interno della piattaforma attraverso l’opzione “profilo gestito” (a cui corrisponde un portafoglio creato da BorsadelCredito.it con una diversificazione al limite dell’1% – ovvero con circa 100 aziende diverse all’interno). Inoltre, deve avere un saldo totale di almeno 1.000 euro nel momento in cui l’amico diventa un prestatore attivo, attraverso l’opzione “profilo gestito”, con un investimento iniziale di almeno 5.000 euro.

Per non perdere il beneficio è necessario non disattivare l’opzione “profilo gestito” e non ritirare i fondi, nemmeno in parte, e/o vendere prestiti per almeno 30 giorni dal momento in cui l’amico diventa un prestatore attivo.

Per segnalare a un amico questa bella opportunità il punto di partenza è sempre lo stesso: registrarsi sulla piattaforma e iniziare a investire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tweet
Condividi
Condividi