Il rendimento del P2P lending? Con RendiPiù guadagni anche sulle somme libere

L’investimento in P2P lending ha un ciclo di vita durante il quale il rendimento varia e all’interno del quale non tutti i soldi investiti inizialmente vengono prestati immediatamente, ma ci mettono dai 6 ai 12 mesi per essere interamente associati ad aziende richiedenti. “Ma se guadagno solo sulle somme prestate, le somme libere valgono zero per mesi?”. La logica porterebbe a questa domanda, tuttavia la risposta è tutt’altro che scontata… Ma andiamo per ordine. Perché non investiamo tutto subito? Principalmente per proteggere l’investimento diversificandolo in maniera estrema.

Spieghiamo meglio: da un lato ci sono le imprese che richiedono credito, dall’altro i prestatori che offrono denaro. BorsadelCredito.it effettua innanzitutto una selezione stringente delle aziende richiedenti (ne avevamo parlato qui). Una volta selezionate, le aziende sono finanziate richiedendo a ogni prestatore circa l’1% del suo totale investito. Per questo motivo, per prestare interamente l’ammontare iniziale bisogna fare un centinaio di prestiti. Da qui il periodo di investimento che dura 6-12 mesi.

Ovviamente finché non vengono prestati, i soldi liberi non rendono: almeno in teoria. In pratica su BorsadelCredito.it è possibile ottenere dei bonus anche durante il periodo di investimento. La promozione si chiama “RendiPiù” e consente all’investitore di guadagnare l’1% sulle somme libere e non ancora prestate, sin dal primo giorno del suo investimento.

Le condizioni sono due: registrarsi sulla piattaforma ed effettuare un primo versamento, per un importo minimo di 20mila euro. Come per tutte le nostre promozioni, inoltre, sarà necessario aderire all’opzione “profilo gestito” (a cui corrisponde un portafoglio creato da BorsadelCredito.it con una diversificazione al limite dell’1%, ovvero con almeno 100 titoli diversi all’interno). Il beneficio si matura a patto che nel periodo di investimento non si effettuino operazioni di ritiro fondi di qualsiasi importo né richieste di vendita prestiti.

Sicuramente molto meglio che lasciare i soldi fermi su un conto deposito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tweet
Condividi
Condividi