Tag Archives: aziende

Dalla realizzazione integrata di musei avveniristici ai sensori applicati a sanità e trasporti: la parabola ascendente di Cappelletti

Ecco la storia di una PMI di Trento, 10 milioni di fatturato e 40 dipendenti, che è uscita dalla crisi investendo e innovando

Tradizione e innovazione che si fondono per dare vita a un’azienda di successo. È la storia raccontata dalla famiglia Cappelletti, due generazioni di imprenditori capaci di diversificare e guardare oltre il proprio naso per superare la crisi.
Oggi abbiamo quattro aziende operative che fanno quattro cose diverse: si tratta di un piccolo gruppo di 40 persone e 10 milioni di fatturato che ha sede a Trento e che nel 2000 abbiamo razionalizzato fondando una holding finanziaria, la ARS Invest. ARS Invest controlla le quattro società, ha acquisito parte del patrimonio immobiliare di Cappelletti Srl e realizza investimenti nel settore immobiliare, riabilitativo, dei trasporti, delle reti internet e wifi e dei servizi,” dice a BorsadelCredito.it Andrea Cappelletti, socio e membro del Consiglio di Amministrazione di ARS Invest, Amministratore Delegato di Cappelletti Srl dove si dedica in particolare al rapporto con i grandi clienti e i grandi fornitori, presidente di CoRehab Srl e presidente di Iwim Srl.

MacDue, storia del giocattolaio che ha riportato le automobiline Bburago dalla Cina a Monza

Grazie al finanziamento di BorsadelCredito.it la società di distribuzione brianzola ha reso più efficace la sua presenza su Amazon. Anelli (presidente): “Internet è il futuro di GDO e finanza.”

Il cubo di Rubik? Da 25 anni lo distribuisce in esclusiva in Italia MacDue, azienda brianzola sui generis, lontana dalla tipica azienda manifatturiera locale, con 40 anni di storia, 19 milioni di fatturato in “decrescita pilotata” nel 2017, come spiega a BorsadelCredito.it il presidente e fondatore Giorgio Anelli che, collegato al telefono da Hong Kong, ci racconta il suo business fatto di giocattoli – il cubo ma anche e soprattutto macchinine e gonfiabili – e innovazione.

I 5 motivi per cui alle aziende conviene il marketplace lending

Uno studio di architettura del centro che ha bisogno di un software di protezione da incursioni malware dopo la migrazione dei dati sensibili in cloud. Un artigiano che confeziona sandali di cuoio e, per soddisfare le richieste di un cliente tedesco appena acquisito, deve comprare due nuove macchine per cucire il cuoio e rifornirsi di materia prima in grande quantità. Investimenti importantissimi, ma piccolitra i 10mila e i 100mila, troppo piccoli per poter essere presi seriamente in considerazione dalla banca che su cifre di questo tipo non fa margini e ha solo costi.

L’alternativa, ormai i lettori di questo blog lo sanno bene, è il marketplace lending, un posto dove il credito te lo fanno i prestatori in cambio di un interesse che, in media nel mese di ottobre, è stato del 5,68% e che varia in base al merito di credito dell’azienda richiedente. Quali sono i motivi per cui alle piccole aziende conviene il marketplace lending?

I numeri di settembre di BorsadelCredito.it

Al mese di settembre i prestatori del marketplace lending di BorsadelCredito.it hanno ottenuto un rendimento lordo medio del 5,71%. Anche al netto della tassazione sulla rendita finanziaria, il rendimento è comunque sopra la media di altri strumenti equiparabili. Questo non significa un maggior rischio per l’investitore in quanto le perdite reali si confermano molto inferiori rispetto alle perdite attese e dunque l’investimento è completamente protetto.

Credito digitale: ecco chi è la microimpresa che accede ai prestiti (in tre giorni)

microimpresa-borsadelcredito

Piccola, con almeno un anno di attività, dinamica, solida.

Ha queste caratteristiche l’impresa che può trovare credito sulle piattaforme digitali. Un mercato, quello dei marketplace lending, appena nato ma molto promettente. E, senza dubbio, il canale di accesso al credito più rapido in assoluto tra quelli oggi disponibili. A cui possono ambire le imprese, anche individuali, che abbiano un fatturato minimo di 50mila euro e possano produrre almeno un bilancio annuale. Fondamentale per procedere all’esame di affidabilità che viene valutata su parametri quantitativi e anche qualitativi, come la reputazione online, per esempio, o le risposte fornite a un questionario. 

Antonio Lafiosca racconta BorsadelCredito.it a COFIP

COFIP,  Associazione Consulenti Finanziari Professionisti, ha intervistato Antonio Lafiosca Co-Founder e CEO di BorsadelCredito.it!

Il crowdfunding si sta velocemente diffondendo nel mondo del credito e BorsadelCredito.it, piattaforma digitale di lending crowdfunding che serve le PMI italiane lo sa bene!

P2P Lending di BorsadelCredito.it – le statistiche al 31 Agosto

statistiche borsadelcredito

Pubblichiamo le statistiche aggiornate del nostro marketplace di P2P Lending per le Aziende al 31 Agosto 2016.

L’erogato totale supera quota 3mln€ con 173 aziende finanziate, la crescita dei volumi è costante, insieme alla qualità dei prestiti,  tutto mantenendo sempre ottime performance rispetto ai ritardi attesi.

I rendimenti medi per i Prestatori, ancora in crescita, si assestano sul 5,71%, continuando ad essere elevati rispetto a prodotti con rischio equiparabile.
La qualità dei prestiti e la copertura del rischio rimangono molto alte: come si vede dal grafico che compara le stime di perdite attese con quelle effettive, queste ultime sono decisamente inferiori alle attese, per cui il guadagno dei Prestatori è al sicuro!

P2P Lending di BorsadelCredito.it – le statistiche al 30 Giugno

statistiche borsadelcredito

Pubblichiamo le statistiche aggiornate del nostro marketplace di P2P Lending per le Aziende al 30 Giugno 2016.

L’erogato totale ha superato i 2 milioni e mezzo di euro e, con oltre 600.000 € di erogato, Giugno è finora il mese che ha fatto registrare la migliore performance di erogato per BorsadelCredito.it!

P2P Lending di BorsadelCredito.it – le statistiche al 31 Maggio

statistiche borsadelcredito

Pubblichiamo le statistiche aggiornate del nostro marketplace di P2P Lending per le Aziende al 31 Maggio 2016.

La crescita dei volumi è costante, insieme ad una qualità dei prestiti, con delle ottime performance rispetto ai ritardi attesi.
I rendimenti continuano ad essere elevati sia confronto alla qualità dei prestiti, sia rispetto a prodotti con rischio equiparabile.
Come si vede dal grafico che compara le stime di perdite attese con quelle effettive, queste ultime sono decisamente inferiori alle attese, per cui il guadagno dei Prestatori è al sicuro

P2P Lending di BorsadelCredito.it – le statistiche al 30 Aprile

statistiche borsadelcredito

Pubblichiamo le statistiche aggiornate del nostro marketplace di P2P Lending per le Aziende al 30 Aprile 2016.
Permane una qualità dei prestiti elevata; ancora in aumento, rispetto ai mesi precedenti, la crescita del tasso medio di interesse per i Prestatori.

Come si vede dal grafico che compara le stime di perdite attese con quelle effettive, queste ultime sono inferiori alle attese, per cui il guadagno dei Prestatori è al riparo.