Tag Archives: tecnologia

Donne, FinTech e ripartenza: cosa può fare la tecnologia per la diversity

Alla Milano Digital Week BorsadelCredito.it parla del ruolo delle donne nel FinTech e più in generale nella ripresa economica. Raccontando cosa sta accadendo nel mondo e cosa ci aspetta nel prossimo futuro.

A cura di Greta Antonini, Marketing Manager di BorsadelCredito.it

“FinTech, sostenibilità e inclusione: le cose che servono” è questo il titolo dell’evento a cui ha partecipato BorsadelCredito.it per parlare di FinTech, inclusione finanziaria e donne.

FinTech, cosa significa? La rivoluzione tecnologica della finanza

“cosa significa e cos’è il Fintech”

Si sente sempre più spesso parlare di FinTech. Una parola entrata nell’uso comune per chi mastica di finanza: ma cosa significa? Partiamo dalla radice del termine stesso: “fin” come finanza e “tech” come tecnologia, in Italiano potremmo tradurlo con “tecnofinanza”.

La tecnofinanza – o FinTech – indica, letteralmente, l’applicazione della tecnologia alla finanza,per renderne i processi più snelli e personalizzare i prodotti in base alle esigenze dell’utente finale. La tecnologia rende possibile, inoltre, aprire nuovi mercati abbattendo i costi di gestione di diversi servizi e rendendoli accessibili a fasce più ampie di utenti.

2020, l’anno spartiacque del FinTech e di BorsadelCredito.it. E ora what’s next?

La pandemia ha accelerato un processo già in corso, potenziando la transizione della finanza verso la digitalizzazione. E consentendo a noi di intraprendere un percorso di sviluppo importante: ecco le milestone dell’anno, che ci fanno entrare nel 2021 con prospettive ancora più rosee

AltFi aveva preannunciato a gennaio 2020 che stavamo entrando nei ruggenti anni Venti, una nuova decade di disruption per il FinTech. Quando lo scriveva, la società non si aspettava senza dubbio il Covid e ogni cosa che ne è conseguita, ma i dodici mesi appena trascorsi non hanno deluso su questo fronte.

Cinque trend FinTech del 2020 (che segneranno anche il 2021)

Il 2020 è stato un anno duro, ma che ha segnato una volta per tutte l’inizio di una nuova fase per il FinTech, quella della maturità. Una fase in cui la collaborazione con le banche sarà sempre più frequente, gli sportelli tradizionali spariranno, la tecnologia renderà più efficienti i business e gli e-commerce cresceranno esponenzialmente

Siamo arrivati alla fine di quest’anno complesso e inaspettato, difficile e nello stesso tempo carico di insegnamenti. Ne faremo tesoro, ricordando che per sopravvivere è necessario adattarsi. Lo abbiamo fatto nelle nostre vite quotidiane, nel business, nelle abitudini relative ai consumi e allo svago. Abbiamo accettato di cambiare e sarà questo che ci consentirà di arrivare a fine corsa più forti di prima.

L’evoluzione di Borsadelcredito.it da P2P a fornitore di tecnologie: linee strategiche

Dai prestiti tra pari alla fornitura di strumenti per snellire i processi degli operatori finanziari tradizionali. La parabola del FinTech si sta compiendo e il Covid la ha accelerata. BorsadelCredito.it, nata come software house, dopo aver messo la sua tecnologia proprietaria al servizio dell’economia reale declinandola in un prodotto come il lending, si appresta a diventare un partner per banche e altri istituti finanziari che vogliono offrire servizi alle PMI

Anticipare i bisogni delle imprese (prima che le stesse imprese li riconoscano): il segreto del successo del FinTech

Tutti i prodotti di BorsadelCredito.it nascono con l’obiettivo di supportare l’economia reale italiana. Grazie alla tecnologia proprietaria (un unicuum nel FinTech italiano) e a processi di sviluppo improntati alla filosofia del “fail fast” riusciamo a portare sul mercato in due settimane soluzioni a problemi nuovi. Ed è questo il futuro del credito.

Flessibilità, velocità, personalizzazione. Sono quasi parole d’ordine quando si parla di FinTech. Il rischio, in questi casi, è che si sconfini nella moda, se non si riempiono le etichette di contenuto. Allora cosa significano queste parole chiave e come si concretizzano in prodotti e servizi finanziari innovativi?

Il Fintech: lo strumento d’elezione per aumentare l’inclusione finanziaria e abbattere la povertà

Nel mondo ci sono ancora 1,7 miliardi di persone unbanked: dall’esclusione finanziaria si esce con la tecnologia, come sta accadendo in Asia e Africa. Ecco perché

Un miliardo e 700mila adulti nel mondo non hanno accesso in banca. È un dato, a nostro avviso sconvolgente, contenuto nell’ultimo Rapporto della Banca Mondiale sull’inclusione finanziaria. Un tema su cui l’attenzione è alta – e lo è da prima che arrivasse il Covid – perché agevolare l‘accesso delle persone alla finanza è uno dei modi principali per abbattere la povertà e garantire l’uguaglianza.

BorsadelCredito.it tra i leader italiani del business lending, secondo Polimi

I numeri indicano una traiettoria di crescita importante per tutto il settore, ma il futuro è di non facile interpretazione. Staremo a vedere, intanto vogliamo continuare a dare credito alle aziende italiane, contribuendo nel contempo ad abilitare l’innovazione tecnologica nel sistema finanziario

Il Polimi ha scattato la fotografia di un mercato del lending che da giugno 2019 a giungo 2020 è quasi raddoppiato in termini di erogato a 750 milioni di euro circa. BorsadelCredito.it figura tra i leader del ramo business e vuole continuare a guidare il cambiamento, cogliendo le opportunità che il post Covid ci riserva. Agendo con il duplice ruolo di fornitore di finanza e di abilitatore tecnologico.

Tecnologia: il valore aggiunto di cui le banche non possono fare più a meno

È il fattore abilitante che consente di offrire servizi centrati sul cliente. Le banche lo sanno e mentre chiudono gli sportelli tradizionali, aumentano gli accordi di collaborazione con Big Tech e FinTech. Con evidenti miglioramenti per i conti delle banche, che tornano a innovare nell’arena della finanza

La collaborazione tra banche e FinTech, che sarà uno dei must del prossimo decennio, avrà un interessante effetto collaterale: quello di riportare l’innovazione nella finanza

Il valore delle FinTech? Sta nella tecnologia e consentirà l’emersione di un modello di banca as a service

Nel prossimo futuro l’expertise sviluppata dalle startup della finanza sarà il vantaggio competitivo che gli istituti di credito tradizionali potranno acquisire per offrire ai clienti l’esperienza di uso più snella e completamente digitale di cui sono alla ricerca

Il 2020 per il mondo bancario (e per le FinTech) è un anno di svolta. Per varie ragioni, ma tutte afferenti alla tecnologia. Non a caso è stato già definito come l’anno zero della rivoluzione finanziaria, da un lato per l’affermarsi dell’open banking con la PSD2, entrata in vigore in Italia lo scorso 14 settembre, dall’altro per un trend crescente di collaborazione tra i diversi operatori dell’ecosistema.