Monthly Archives: Giugno 2021

ToLuFashion: storia di un’azienda che ha resistito alla crisi grazie al FinTech

pmi covid ripresa fintech

“Quando abbiamo percepito la crisi che sarebbe seguita alla diffusione del Covid abbiamo cercato un finanziamento. Lo abbiamo trovato nelle soluzioni FinTech di BorsadelCredito.it con la velocità che ci occorreva per non subire danni peggiori. E nel frattempo abbiamo messo in piedi un sito di vendita che in tempi normali avrebbe richiesto 3-4 anni. Da qui ripartiamo”, la storia di Edgardo De Carolis, ceo e cofounder insieme a Jessica Sonnino di ToLuFashion

Una crisi trasformata in opportunità. Se c’è una caratteristica realmente distintiva di un’impresa resiliente, è questa. A farlo è stato Edgardo De Carolis, ceo e cofounder imsieme a Jessica Sonnino di ToluFashion, marchio di moda mamma-figlia di Roma, che si è rivolto al FinTech quando è arrivato il primo severo lockdown. “Abbiamo compreso la portata dello tsunami che stava travolgendo l’economia e non abbiamo avuto alcun timore a cercare un prestito per tirare avanti e superare la burrasca. E intanto abbiamo pensato a una exit strategy fatta di investimenti e di omnicanalità”.

FinTech: uno strumento per democratizzare la finanza e raggiungere le fasce di popolazione sottobancarizzate (abbattendo la povertà)

inclusione sociale in finanza

È uno dei 17 obiettivi di sostenibilità dell’Onu ed è in cima all’Agenda europea 2030: abbattere la povertà. La via maestra è aumentare l’inclusione finanziaria dell’1,3 miliardi di persone che hanno scarso o nullo accesso ai servizi delle banche tradizionali. Il Fintech con il suo corredo di tecnologia può aiutare e l’anno 2020 lo ha dimostrato nei fatti

Nell’anno 2020 è emerso con chiarezza il potenziale della digitalizzazione. In ogni campo e anche in quello finanziario. Ma il 2020 è stato anche un anno in cui milioni di persone – soprattutto vicine alla soglia di povertà e anche nel mondo occidentale – si sono dovute confrontare con sfide finanziarie senza precedenti, sfide che il FinTech ha contribuito in maniera determinante a superare e in parte a vincere.

Lending as a service: la prossima frontiera del FinTech

lending fintech

Nella banca invisibile, per dirla con le parole di Kpmg, entra anche il Laas: il lending as a service. Ovvero la possibilità di fornire servizi di prestiti in maniera automatica ed efficiente, integrando la tecnologia che il FinTech è sempre più in grado di condividere. Ecco perché nel 2024 il mercato raddoppierà e quali sono i vantaggi per le aziende clienti e per le banche

Il Lending as a service (Laas) è una delle ultime tendenze del FinTech e sarà la prossima frontiera della finanza tecnologica e tradizionale. Secondo un report di LendIt questo settore raddoppierà negli Stati Uniti e nel Regno Unito entro la fine del 2024, passando dai 2.615 milioni di dollari nel 2017 a 5.580 milioni.

Uno sguardo oltre la pandemia: cosa è cambiato – per sempre – nel mondo finanziario

La digitalizzazione, che abilita anche la sostenibilità, è la via per garantire una user experience snella e personalizzata, sempre più richiesta dai clienti anche quando comprano servizi finanziari. Ecco perché da questo punto non si torna più indietro 

Che la pandemia sia stata un acceleratore lo abbiamo sentito milioni di volte nel corso dell’ultimo anno. Che finita l’emergenza si tornerà indietro riprendendo tutte le vecchie abitudini, anche quelle cattive, idem. Ma se sulla prima affermazione non c’è dubbio che sia così, sulla seconda è bene mostrare alcune riserve.