Tag Archives: covid

È tempo di ricostruzione post bellica: ecco come le PMI possono ripartire

Ripresa PMI

Le PMI hanno tenuto, grazie alla solidità acquisita pre-crisi. Ma il livello tra debiti finanziari e MOL è sui livelli di guardia. E dunque è il momento di agire ripristinando la fiducia degli imprenditori che devono investire e facendo fluire liquidità al sistema attraverso una massiccia defiscalizzazione dell’economia reale

A cura di Antonio Lafiosca, Co-Founder & Chief Operating Officer di BorsadelCredito.it

È tempo di ricostruzione post bellica. Che passi per la massiccia defiscalizzazione dell’economia reale da un lato ma anche degli investimenti, tutti, nell’economia reale. È una via quasi obbligata per consentire alle PMI di investire e ristrutturarsi in vista della ripresa, che potrebbe anche essere, finalmente, alle porte.

BorsadelCredito.it: nuova cartolarizzazione da 200 milioni con Azimut e Banca Valsabbina per sostenere le imprese

sostegno

Dopo la cartolarizzazione da 100 milioni di settembre, facciamo il bis (e raddoppiamo) nell’ambito del progetto “Slancio Italia”. Per le piccole e medie imprese prestiti della durata massima di 6 anni, con 1 anno di preammortamento, e un importo variabile dai 50.000 a 1.500.000 euro con garanzia fino al 90% del Fondo Centrale di Garanzia

BorsadelCredito.it non si ferma. E annuncia una nuova cartolarizzazione per aiutare le piccole e medie imprese ad affrontare e superare la crisi legata alla diffusione della pandemia.

Stato di salute delle PMI: dopo un anno la situazione non è migliorata

PMI covid crisi

Che fare? Bisogna sciogliere il nodo liquidità, che è ciò che continua a mancare tra lockdown che ancora affaticano certi settori e una campagna vaccinale che stenta. Ma serve anche più azione da parte delle imprese, che devono ricominciare a investire per ristrutturarsi in vista del ritorno alla normalità che inevitabilmente arriverà

La crisi per le PMI continua. Una conseguenza prevedibile di un 2021 che è iniziato tra nuovi lockdown e contagi in aumento e un piano vaccinale che procede al rilento.

Ci siamo occupati per un anno – e giustamente – della salvaguardia della salute pubblica, sacrificando attività economiche e culturali. A guardare però oggi lo stato di salute delle PMI viene da pensare che forse si sarebbe dovuto fare anche altro. Non che non sia stato fatto: i prestiti garantiti del Decreto liquidità, i ristori e i sostegni: forse era il massimo possibile, ma non è stato abbastanza.

BorsadelCredito.it vs Funding Circle: due business del fintech lending a confronto

Il 2020 si è chiuso con un valore dell’erogato quadruplicato anno su anno, ma soprattutto con il bilancio in utile e un ebitda importante. Validando il modello di business e preparandosi alla fase di crescita successiva

La britannica Funding Circle è la fintech del lending che abbiamo sempre considerato la nostra azienda faro. I numeri che emergono dal confronto con essa dimostrano come le piccole imprese italiane, come noi in fondo siamo, hanno spesso un contenuto di innovazione e capacità che non sono ancora del tutto riconosciute a livello internazionale.

Donne, FinTech e ripartenza: cosa può fare la tecnologia per la diversity

Alla Milano Digital Week BorsadelCredito.it parla del ruolo delle donne nel FinTech e più in generale nella ripresa economica. Raccontando cosa sta accadendo nel mondo e cosa ci aspetta nel prossimo futuro.

A cura di Greta Antonini, Marketing Manager di BorsadelCredito.it

“FinTech, sostenibilità e inclusione: le cose che servono” è questo il titolo dell’evento a cui ha partecipato BorsadelCredito.it per parlare di FinTech, inclusione finanziaria e donne.

BorsadelCredito.it, cinque obiettivi strategici per il 2021

5 Obiettivi Strategici

Dal consolidamento delle partnership finanziarie già in essere a nuove alleanze, fino a una maggiore riconoscibilità da parte di investitori istituzionali. Negli obiettivi di BorsadelCredito.it per il 2021 c’è tutto questo, insieme all’ampliamento della gamma dei servizi per le pmi e il potenziamento della parte tech

Dopo i traguardi raggiunti lo scorso anno, fissiamo le linee strategiche e gli obiettivi che BorsadelCredito.it si prefigge per il 2021

Storie di aziende italiane ai tempi del Covid

Dalla valigeria storica, alla meccanica che fonda startup, alla scuola di lingua italiana per cinesi in Italia, all’ex produttore di giocattoli passato al modellismo di trattori. Ecco come il genio italiano sta affrontando l’emergenza e il tema della liquidità

Non è solo per far fronte alla riduzione di fatturato, ma soprattutto per la necessità di investire per adattarsi al nuovo contesto post pandemico che le imprese italiane negli ultimi sei mesi hanno avuto necessità di fondi per ripartire e si sono rivolte al FinTech.

2021: l’anno delle big IPO FinTech a Wall Street. E l’Italia?

Sono arrivate sul listino Affirm e SoFi, le due FinTech più finanziate del Paese e sono in arrivo altri nomi che attirano l’attenzione degli investitori sul comparto. Senza considerare che nel 2020 Lemonade è stata l’IPO che ha fatto meglio in Borsa. Intanto il Venture Capital punta sempre più sul settore: ecco cosa potrebbe succedere in Italia guardando a ciò che è già prassi oltreoceano

Le PMI si avvicinano al Fintech

Il 2020 di BorsadelCredito.it si chiude con un erogato in crescita del 200% anno su anno

Ammonta a 153 milioni l’erogato totale di BorsadelCredito.it a fine 2020. La metà di questa cifra è stata trasferita alle imprese nel solo 2020, l’anno del Covid: 75,253 milioni e 16 milioni nel mese di dicembre. L’accelerazione è stata evidente a partire dall’estate e dal mese di settembre l’erogato è stato di 36 milioni di euro. I prestiti sono ora 1.358 dall’avvio dell’attività.

2020, l’anno spartiacque del FinTech e di BorsadelCredito.it. E ora what’s next?

La pandemia ha accelerato un processo già in corso, potenziando la transizione della finanza verso la digitalizzazione. E consentendo a noi di intraprendere un percorso di sviluppo importante: ecco le milestone dell’anno, che ci fanno entrare nel 2021 con prospettive ancora più rosee

AltFi aveva preannunciato a gennaio 2020 che stavamo entrando nei ruggenti anni Venti, una nuova decade di disruption per il FinTech. Quando lo scriveva, la società non si aspettava senza dubbio il Covid e ogni cosa che ne è conseguita, ma i dodici mesi appena trascorsi non hanno deluso su questo fronte.